INCLUSIONE SOCIALE

I servizi per l’inclusione sociale di Senza il Banco

I nostri servizi per l’inclusione sociale si sviluppano principalmente nelle aree:

  • Abba e Due Madonne nel Quartiere Savena di Bologna;
  • Pescarola nel Quartiere Navile di Bologna.

In queste zone, che presentano una struttura classica di periferia, possiamo confermare l’ormai conclamato dato di disuguaglianza legato non tanto alle privazioni materiali, quanto:

  • alla lacerazione sociale e alla sua mancata ricomposizione, vissuta a lungo;
  • all’esclusione dell’altro;
  • alla capacità di accesso al welfare.

La complessità della situazione richiede azioni di sistema e interventi non frammentati e ben coordinati tra loro. Così come è significativa la necessità di luoghi di aggregazione per favorire la stabilità di gruppi, la ricomposizione del tessuto sociale e l’integrazione.

Continua a leggere

Continua a leggere

Per questo motivo, i luoghi che gestiamo in questi territori [Cortile – Cubo], vogliono essere:

  • spazi comuni di socializzazione;
  • promotori di attività e iniziative per la comunità;
  • incipit di aggregazione, ricomposizione e connessione delle risorse di tutti i soggetti che operano in questi territori, per generare empowerment individuale e di comunità.

Riusciamo così a garantire maggiore sostenibilità rispetto alla prestazione individuale e ad allargare il perimetro degli interventi. Il capitale sociale che abbiamo intercettato, alla base della ricostruzione della comunità locale, ci permette di lavorare insieme alle persone pensandole come risorse e non come costo, logica con cui possiamo pensare ad un’evoluzione e una crescita locale.

Con i progetti che proponiamo, quindi, intendiamo avviare una nuova fase. Un nuovo stadio, che è frutto di un lento processo reso possibile grazie a una rete di risorse sociali formali e informali:

  • terzo settore;
  • pubblica amministrazione;
  • cittadini.

Per generare benessere comune e condiviso pensiamo si rendano necessari interventi di welfare non più prestazionali e standardizzati, ma di wellbeing.

  • che afferiscono più ad una sfera personale e relazionale;
  • legati al contesto in cui un individuo e la comunità interagiscono.

Nello specifico intendiamo:

  • favorire la cultura del buon vicinato e la coesione sociale;
  • migliorare la gestione degli spazi comuni e la responsabilizzazione nel loro utilizzo;
  • consolidare il processo di economia di prossimità e scambio e di connessione dei residenti;
  • innescare meccanismi in grado di far fare un passaggio dal pensiero dell’io al noi;
  • diminuire stereotipi e pregiudizi;
  • far emergere bisogni inespressi e/o mettere in grado i cittadini di intercettare le opportunità del territorio.

Abba Road

[quartiere Savena - Bologna]

Ciclofficina "Ciappineria" Popolare

[quartiere Savena - Bologna]

Portierato Sociale

[quartiere Savena - Bologna]

Play

progetto di partecipazione e condivisione [quartiere Savena - Bologna]

Progetto Condominio Solidale Diffuso

[quartieri Savena e Navile - Bologna]

Sportello Beverara 129

[quartiere Navile - Bologna]

Pon Metro 2014-2020

[quartieri Savena e Navile - Bologna]

Portierato di Comunità

[quartiere Navile - Bologna]

VISITA LE STRUTTURE DI RIFERIMENTO

Quartiere Savena – Bologna
Quartiere Navile – Bologna
Menu